Tutti vogliono una casa ecologica: ma quanto costa?

Condividi questo contenuto! Arricchisci il tuo profilo social con informazioni professionali.

Dal progetto alla realizzazione, fino al portafoglio, tutte le accortezze che dobbiamo avere nella realizzazione di una costruzione bio

Il concetto di sostenibilità applicato al mondo delle costruzioni è un tema sempre più caldo negli ultimi anni, anche in Italia. La diffidenza iniziale che aveva accompagnato questo settore, che si è diffuso in Nord Europa, ha lasciato spazio ad una vera e propria esplosione di soluzioni green anche nel nostro Paese. I vantaggi di costruire o ristrutturare un edificio secondo i principi della bioedilizia sono ormai noti e ne abbiamo parlato abbondantemente nel nostro blog.

Oggi vogliamo proporvi invece una guida rapida e semplice che tocca gli aspetti più importanti della realizzazione di una casa ecologica: dalle buone norme per redigere un progetto, fino ai costi finali di realizzazione.

Poniamoci subito qualche domanda e proviamo a rispondere: come deve essere una casa ecosostenibile? Quali le sue caratteristiche?

Tutto parte dal modo in cui si decide di agire: comprare una casa oppure costruirla dalle fondamenta, le prerogative sono diverse: se nel primo caso occorre valutare attentamente il mercato, nel secondo, una volta decise le regole e i costi, occorre adoperarsi per avere una spesa adeguata e una resa massima, in base alle proprie esigenze.

 

GLI IMPIANTI CHE FANNO RISPARMIARE – Nel caso di un’abitazione ecologica, una delle prime considerazioni da fare, riguarda le fonti energetiche; infatti gli inquilini dovranno puntare a dipendere il meno possibile dalle fonti energetiche tradizionali. Questo farà sì che i risparmi sulle bollette saranno sempre maggiori nel corso del tempo.

Le soluzioni dovranno ovviamente ricadere su impianti che ricavano energia da fonti pulite, rinnovabili (sole, terra, acqua, vento, ecc.).

 

OCCHIO AGLI ELETTRODOMESTICI

Altro punto su cui ragionare attentamente riguarda la scelta degli elettrodomestici da acquistare: mai scendere sotto la classe A per un qualsiasi prodotto da utilizzare per le necessità di tutti i giorni. La lettera A indica che i consumi per l’utilizzo, saranno inferiori ai 300 kWh rispetto ai più di 781 kWh della classe G, quella che consuma di più. I consumi elevati fanno lievitare i costi e inquinano l’ambiente. Inoltre, a scanso di equivoci, esistono molti incentivi per l’acquisto di elettrodomestici (ad esempio il Bonus Mobili, di cui parliamo più approfonditamente in altri articoli del nostro blog).

 

ISOLAMENTO E ORIENTAMENTO

Le pareti di una casa ecosostenibile devono assicurare un perfetto isolamento termico sia dinverno che destate. Evitare la dispersione di calore o di fresco aiuta ad abbattere i costi di consumo. Per questo noi di House Biomaterial abbiamo studiato prodotti perfettamente isolanti, composti di materiali riciclabili al 100%. Scoprili cliccando qui.

Da non sottovalutare mai nemmeno l’orientamento della nostra nuova casa. Per realizzare un edificio che rispetti l’ambiente e riduca le spese di mantenimento è necessario scegliere adeguatamente la sua posizione in modo che gli ambienti più utilizzati siano orientati in modo da accogliere la maggiore luce naturale riducendo al minimo l’utilizzo delle luci per l’illuminazione.

Le camere da letto, invece, vanno organizzate e disposte nella zona meno rumorosa e più tranquilla; diventa quindi fondamentale scegliere il poso migliore dove costruire una casa ecosostenibile.

MOBILI GREEN

L’arredamento è un altro tassello poco considerato ma invece davvero importante. Il materiale migliore per i mobili rimane senza dubbio il legno, che permette ambienti salubri e zero emissioni tossiche. Come si sa, l’inquinamento degli ambienti è una delle prime cause di una pessima qualità della vita dentro una casa o un luogo di lavoro.

 

UN RISPARMIO SENZA PRECEDENTI

Dopo aver passato in rassegna le principali caratteristiche di una casa ecologica, passiamo ai costi. Ovviamente non si può essere precisi al centesimo in questi calcoli, possiamo solamente dare un’idea generale dei costi di realizzazione. Infatti il prezzo finale dipende dalle innumerevoli esigenze che può avere ogni persona, dalla posizione dell’edificio, dalle varie scelte che si fanno. Possiamo dire che in media il costo di una casa in bioedilizia è più alto del 10% rispetto a quello di una casa tradizionale; ma attenzione, una casa di questo genere può contare non solo sui molti incentivi presenti nel nostro Paese per investimenti di questo tipo, ma anche sul risparmio a lungo termine. Infatti l’acquisto di una casa sostenibile garantisce l’abbattimento dei consumi energetici, minori costi di manutenzione, minore inquinamento e impatto ambientale. Insomma il portafogli può tirare un sospiro di sollievo, e anche i futuri inquilini.

 

House Natural è l’impresa edile specializzata in lavori di bioedilizia, l’azienda può dare un supporto completo a chiunque decida di realizzare o ristrutturare un’abitazione secondo criteri ecologici. Vieni a trovarci nella nostra sede a Colle val d’Elsa, e chiedi una consulenza gratuita; qui trovi le indicazioni stradali per raggiungerci: https://housenatural.it/contatti/

 

 

 

Condividi questo contenuto! Arricchisci il tuo profilo social con informazioni professionali.