Agevolazioni costruzione prima casa 2018

Condividi questo contenuto! Arricchisci il tuo profilo social con informazioni professionali.

La casa costituisce per noi Italiani un valore assoluto: punto di riferimento, senso di accoglienza, luogo di affetti, meta ambita. In tanti si accingono ad affrontare l’avventura di acquistare o ristrutturare una casa in cui rispecchiarsi a pieno ed è per questo che è bene tenere conto delle agevolazioni di cui è possibile godere per la costruzione della prima casa, quali condizioni rispettare e quali errori possono comprometterle.

Le proposte dell’agenzia delle entrate

Per quel che riguarda le agevolazioni fiscali inerenti la ristrutturazione o l’acquisto della prima casa è bene consultare il plico dell’Agenzia delle Entrate, facilmente rintracciabile e scaricabile da internet, perché costituisce materiale affidabile e aggiornato.

Quali agevolazioni per la costruzione di una casa nel 2018?

Intanto si prendano in considerazione con sintesi e puntualità i concetti salienti, onde evitare di perdersi nei meandri della materia fiscale.

Anzitutto, tra i vantaggi usufruibili, rientra la riduzione dell’IVA dal 22% al 4% per tutti i contribuenti che acquistano casa direttamente dall’impresa costruttrice. L’imposta ipotecaria, invece, è pari al 2% del valore dichiarato dell’immobile mentre per l’acquisto della prima casa è fissa a 200€. L’imposta catastale è invece connessa alla voltura e, quindi, anche in questo caso, ha che fare con l’acquisto della casa. Essa vale genericamente l’1% del valore dell’immobile ma in questo caso si ferma anch’essa a 200 €. Infine, i contribuenti che acquistano prima casa o la costruiscono hanno diritto alla detrazione dalla loro IRPEF – imposta sul reddito fisico della persona – del 19% del valore degli interessi passivi da pagare sul mutuo. Tale 19% va calcolato su un importo massimo di 2582.28 € annui massimi.

Quali sono le condizioni da rispettare per usufruire di agevolazioni?

Per godere di tali privilegi sono necessarie alcune condizioni. La casa non deve essere di lusso e quindi deve rientrare in una delle seguenti categorie catastali:

  • A2 abitazioni di tipo civile
  • A3 abitazioni di tipo economico
  • A4 abitazioni di tipo popolare
  • A5 abitazioni di tipo ultrapopolare
  • A6 abitazioni di tipo rurale
  • A7 abitazioni in villini
  • A11 abitazioni e alloggi tipici dei luoghi
  • C2 cantine, sono incluse come pertinenze
  • C6 box auto come sopra
  • C7 tettoia come sopra
  • La residenza dell’acquirente deve essere nello stesso comune di ubicazione dell’immobile, o comunque essa deve essere presa nel medesimo comune in questione entro 18 mesi dall’atto
  • L’acquirente non deve possedere un altro immobile nel medesimo comune
  • L’acquirente non deve aver già usufruito precedentemente di tali agevolazioni

 

I vantaggi per i giovani

Oggi per i giovani under 35, in coppia o single, valgono ulteriori tutele. Infatti è stato istituito il Fondo Garanzia Statale Mutui, col quale tali soggetti hanno la possibilità di assicurarsi una garanzia sul mutuo fino al 50% della somma su un massimo di 250000 €.

In conclusione, di fatto, per il 2018 sono state riconfermate tali misure che, come visto, risultano davvero interessanti e possono davvero rappresentare un aiuto concreto.

Se siete interessati, potrete cominciare a muovere i primi passi per la costruzione di casa vostra!

Condividi questo contenuto! Arricchisci il tuo profilo social con informazioni professionali.